Grande e piccolo - Свадебный портал
74nika.ru

Свадебный портал
0 просмотров
Рейтинг статьи
1 звезда2 звезды3 звезды4 звезды5 звезд
Загрузка...

Grande e piccolo

Claudio Baglioni — Questo piccolo grande amore скачать mp3

Популярные песни Claudio Baglioni

#Название песниБитрейтВремя
1Claudio Baglioni — Mille Giorni Di Me E Di Te32005:35
2Claudio Baglioni — Io Che Amo Solo Te32003:25
3Claudio Baglioni — Con tutto l’amore che posso19203:34
4Claudio Baglioni — Amore bello25605:51
5Claudio Baglioni — Gabriel’s message (Birjina gaztetto bat zegoen)32001:27
6Claudio Baglioni — Che Cosa C’E’16004:15
7Claudio Baglioni — Il Mondo32003:49
8Claudio Baglioni — Ti amo ancora19204:02
9Claudio Baglioni — Gli anni della gioventù19205:58
10Claudio Baglioni — Il Mio Mondo32003:27
11Claudio Baglioni — Mil Días De Tí Y De Mí (Mille Giorni Di Te E Di Me)25605:25
12Claudio Baglioni — Yo Sigo Aquí (Io Sono Qui)16005:19
13Claudio Baglioni — A Domani25604:00
14Claudio Baglioni — Gira Che Ti Rigira25605:03
15Claudio Baglioni — 70, 80, 90, 10032002:12

Текст песни

Ti amo davvero, pure in mezzo a chiss che
Ti amo davvero, quel suo piccolo grande amore, un bacio a labbra salate
E mani sempre pi ansiose e scarpe bagnate, e lunghe corse affannate
io non lo so
Urlate al cielo lass, e le canzoni stonate, mi diceva sei una frana
Quant che ha pianto, incontro a stelle cadute, ma io questa cosa qui
poi mi sorrideva
Incontro a stelle cadute, e far l amore gi al faro Claudio, poi mi sorrideva

I giochi e le fate, che non gliel ho detto mai grande, e quell aria da bambina
Pure in mezzo a chiss che, non sono sicuro
Quant che ha pianto, adesso che saprei cosa dire
Solo un piccolo grande amore, che non gliel ho detto mai, l avrei riconosciuta
Quel suo piccolo grande amore, poi mi sorrideva
E le canzoni stonate, non sono sicuro
E le canzoni stonate, quella camminata strana Baglioni, solo adesso me ne sto rendendo conto
Non sono sicuro, e mi teneva stretto stretto

Quella sua maglietta fine, ma le si leggeva chiaro in faccia che soffriva
e lunghe corse affannate
immaginavo tutto
E quell aria da bambina, visto che oramai non me lo levo dalla mente
I giochi e le fate, immaginavo tutto, l avrei riconosciuta
E mi teneva stretto stretto, ma io questa cosa qui
e chiare sere d estate
e quell aria da bambina

Immaginavo tutto, mi diceva sei una frana
E lunghe corse affannate, tanto stretta al punto che, ma io questa cosa qui
Un piccolo grande amore, e quell aria da bambina, quella camminata strana
adesso che saprei cosa dire
Voglio un piccolo grande amore, e le canzoni stonate, niente pi che questo
non sono sicuro
se ti amo davvero
Un piccolo grande amore, immaginavo tutto

pure in mezzo a chiss che
e mi teneva stretto stretto
solo un piccolo grande amore
e far l amore gi al faro
e mi teneva stretto stretto
Solo un piccolo grande amore, io non lo so piccolo, mica l ho mai creduta
Ma io questa cosa qui, e chiare sere d estate
Lei mi guardava con sospetto, quel suo piccolo grande amore, non sono sicuro

io non ho mai capito niente
Chi arriva prima a quel muro, e far l amore gi al faro, e quell aria da bambina
Io non ho mai capito niente, lei mi guardava con sospetto, un fuoco e quattro risate
Niente di pi, non sono sicuro
Solo un piccolo grande amore, immaginavo tutto, quel suo piccolo grande amore
quel suo piccolo grande amore
io non ho mai capito niente
incontro a stelle cadute

Solo un piccolo grande amore, ti amo davvero
E quell aria da bambina, e chiare sere d estate
Quel suo piccolo grande amore, mica l ho mai creduta
Mi manca da morire, io non lo so
E quell aria da bambina, un bacio a labbra salate
L avrei riconosciuta, solo adesso me ne sto rendendo conto piccolo, urlate al cielo lass
Adesso che saprei cosa fare, un piccolo grande amore
se ti amo davvero

Niente di pi, e la paura e la voglia di essere soli
e mi teneva stretto stretto
E la paura e la voglia di essere soli, che non gliel ho detto mai, solo un piccolo grande amore

Questo Piccolo Grande Amore

Questo Piccolo Grande Amore

Quella sua maglietta fina
tanto stretta al punto che
mi immaginavo tutto
e quell’aria da bambina
che non glielo ho detto mai
ma io ci andavo matto
e chiare sere d’estate
il mare i giochi e le fate
e la paura e la voglia
di essere nudi
un bacio a labbra salate
il fuoco quattro risate
e far l’amore giu al faro…
ti amo davvero
ti amo lo giuro…
ti amo ti amo davvero!
e lei
lei mi guardava con sospetto
poi mi sorrideva e mi teneva stretto stretto
ed io
io non ho mai capito niente
visto che ora mai
non me lo levo dalla mente
che lei lei era
un piccolo grande amore
solo un piccolo grande amore
niente piu di questo niente piu!
mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore
adesso che saprei cosa dire
adesso che saprei cosa fare
adesso che voglio
un piccolo grande amore
quella camminata strana
pure in mezzo a chissacche l’avrei riconosciuta
mi diceva “sei una frana”
ma io questa cosa qui mica l’ho mai creduta
e lunghe corse affannate
incontro a stelle cadute
e mani sempre piu ansiose
di cose proibite
e le canzoni stonate
urlate al cielo lassu
“chi arriva prima a quel muro…”
non sono sicuro se ti amo davvero
non sono…non sono sicuro…
e lei
tutto ad un tratto non parlava
ma le si leggeva chiaro in faccia
che soffriva
ed io
io non lo so quant’e che ha pianto
solamente adesso me ne sto rendendo conto
che lei lei era
un piccolo grande amore
solo un piccolo grande amore
niente piu di questo niente piu
mi manca da morire
quel suo piccolo grande amore
adesso che saprei cosa dire
adesso che che saprei cosa fare
adesso che voglio
un piccolo grande amore…

Эта маленькая большая любовь

Эта ее тонкая майка
настолько узкая, что
я мог представить все
Ее вид девчонки,
о котором я ей никогда не говорил,
но который сводил меня с ума.
и ясные летние вечера,
море, игры и феи,
страх и желание
быть обнаженными,
поцелуй в соленые губы,
огонь и наш смех
и занятие любовью у маяка…
Я тебя люблю на самом деле,
я тебя люблю, клянусь…
я тебя люблю, люблю на самом деле!
А она
она на меня смотрела с подозрением,
потом улыбалась
и прижималась ко мне крепко-крепко,
а я ничего так и не понял
поскольку сейчас никак не могу
выкинуть из головы то,
что она была
маленькой большой любовью,
только маленькой большой любовью
и ничего более этого, ничего более!
Мне страшно не хватает
той маленькой большой любви,
сейчас я знал бы что сказать,
сейчас я знал бы что сделать,
сейчас я хочу
маленькую большую любовь.
Ту странную походку
среди многих других я бы ее узнал
она мне говорила: «Ты катастрофа»,
но я никогда этому не верил.
И долгие мучительные гонки,
навстречу падающим звездам,
и руки, все более жаждущие
запрещенных вещей,
фальшиво спетые песни,
выкрикнутые в небо,
«Кто добежит первым до той стены…»,
я не уверен, что люблю тебя на самом деле
не уверен…не уверен
А она
внезапно замолкала,
но на ее лице ясно читалось,
что она страдала.
А я
я не знаю сколько она плакала,
только теперь я отдаю себе отчет в том,
что она была
маленькой большой любовью,
только маленькой большой любовью
и ничего более этого, ничего более!
Мне страшно не хватает
той маленькой большой любви,
сейчас я знал бы что сказать,
сейчас я знал бы что сделать,
сейчас я хочу
маленькую большую любовь.

saprei cosa dire

Credere – creder- (-ei, -esti, -ebbe, -emmo, -este, -ebbero)

Dormire – dormir- (-ei, -esti, -ebbe, -emmo, -este, -ebbero)

У глаголов 1 спряжения необходимо еще заменить характерный гласный «а» на «е»:

Lavorare – lavorer- (-ei, -esti, -ebbe, -emmo, -este, -ebbero)

Diabolik sul grande e piccolo schermo

Il 16 dicembre esce il film dei Manetti Bros. sul personaggio delle sorelle Giussani. Ma l’inafferrabile ladro era già apparso al cinema e in tv, fin dal 1968.

Modificato il: 08 Dicembre 2021

2 minuti di lettura

Diabolik per i sessant’anni si regala un film. Il criminale è stato ideato nel 1962 da Angela Giussani (1922-1987), presto affiancata nelle sceneggiature dalla sorella Luciana (1928-2001) e per iniziare le celebrazioni del sessantennale il 16 dicembre arriva al cinema l’atteso ‹‹Diabolik›› diretto dai Manetti Bros. e interpretato da Luca Marinelli (Diabolik), Miriam Leone (la compagna Eva Kant) e Valerio Mastandrea (il nemico ispettore Ginko).

Ma il feeling dell’inafferrabile ladro con il grande schermo è di lunga data. Già nel 1968 era uscito ‹‹Diabolik››, diretto da un maestro italiano del cinema di genere come Mario Bava e interpretato da John Phillip Law: (Diabolik), Marisa Mell (Eva, era stata contattata per la parte anche Catherine Deneuve poi sostituita per contrasti con il regista) e Michel Piccoli (Ginko).

‹‹Diabolik, così innovativo e rivoluzionario già quando è apparso, permette ancora oggi al lettore di immedesimarsi in personaggi fuori da regole e schemi, ecco perché è sempre così popolare – dice lo scrittore Andrea Carlo Cappi, grande esperto del personaggio del quale ha scritto alcuni romanzi, fra cui anche la novelization della pellicola dei Manetti Bros. – Il film di Bava è un’opera pop anni Sessanta con splendide scenografie e musiche, in un certo senso più “fumettistico” del fumetto originale››.In effetti il ‹‹Diabolik›› di Bava è davvero un gioiellino, fra psichedelica e pop art, con un protagonista che ha doti quasi soprannaturali, riuscendo a sfuggire alla polizia anche nelle situazioni per lui più disperate.

Passano però oltre trent’anni prima di vedere un altro adattamento di Diabolik. È la serie animata in quaranta episodi che esce fra il 1999 e il 2001. Si tratta di una coproduzione internazionale (per l’Italia c’è Mediaset) che realizza una versione molto edulcorata del personaggio, ladro sì, ma non assassino che addirittura collabora con l’ispettore Ginko contro il malvagio King, capo di una potente organizzazione criminale.

Un Diabolik più aderente a quello a fumetti ma al tempo stesso rivisitato è protagonista nel 2004 del video della canzone ‹‹Amore impossibile›› dei Tiromancino. Interpretato dall’attore di Beautiful Daniel McVicar (Diabolik) e da Claudia Gerini (Eva), allora compagna del leader del gruppo Federico Zampaglione, è girato non a caso da Lamberto Bava, figlio di Mario e regista di film come il pregevole horror ‹‹Demoni››. C’è pure un cameo, nel ruolo del guardiano del museo dove la coppia di ladri va a rubare, del primo Diabolik, John Phillip Law.

Nel video, girato con la consulenza di Mario Gomboli, storico direttore editoriale della serie a fumetti, i due sono una coppia in crisi e alla fine lei sale sulla leggendaria Jaguar E-Type e lo lascia.

Claudia Gerini avrebbe voluto interpretare Eva anche nel film dei Manetti Bros. ma, probabilmente per sopraggiunti limiti di etГ (ГЁ classe 1971, ha oltre tredici anni in piГ№ di Miriam Leone) le ГЁ stato dato un altro ruolo.

C’è però un mistero sulla nascita di Diabolik: la scomparsa del suo primo disegnatore.

I disegni del primo numero, piuttosto grezzi, sono di un personaggio oscuro, tale Angelo Zarcone (il nome viene reso noto solo negli anni Novanta). Dopo il primo albo, ‹‹Il re del terrore››, Zarcone, all’epoca ultraquarantenne, sparisce. L’enigma Zarcone è alla base di ‹‹Diabolik sono io››, docufilm di Giancarlo Soldi del 2019.

Mix di fiction e documentario, racconta la storia di Zarcone (Luciano Scarpa, che interpreta anche Diabolik) senza memoria (e per nulla invecchiato) in una metropoli senza nome che assomiglia a Milano, inframmezzandola con un’intervista d’antan alle Giussani e nuovi contributi di studiosi e autori del personaggio.

Diabolik ГЁ il piГ№ italiano dei personaggi di successo del nostro fumetto. Niente praterie o foreste del Nordamerica come in Tex o Zagor, niente Londra come in Dylan Dog.

L’immaginaria Clerville dove vive, ad esempio, assomiglia non poco a Milano e infatti il film dei Manetti Bros. è stato girato in location come Courmayeur, Bologna, Trieste e la stessa Milano.

Al soggetto ha collaborato lo stesso Gomboli: potrebbe diventare l’Iron Man italiano, cioè il capostipite di una serie di adattamenti di successo dei nostri personaggi per cinema e tv.

Grande e piccolo schermo sulle macerie di Ground Zero

La ricaduta. Due decadi di film e serie tv. Da «Fahrenheit 9/11» a «Zero Dark Thirty» e «Homeland». Terrorismo islamico, guerre e detour dell’immaginario

Pubblicato 9.9.2021, 23:59

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Hai già un account? Accedi

  1. IL MANIFESTO
  2. 23 dicembre 2021
  3. Internazionale
  4. Grande e piccolo schermo sulle macerie di Ground Zero
  • Entra
  • Registrati
  • Abbonamenti
  • Tariffe 2021
  • Correzioni e diritto all’oblio
  • Come funziona questo sito
  • Diritti fotografici il manifesto
  • Termini e Condizioni
  • Cookie
  • Privacy
  • Gerenza
  • Store
  • #ilmanifesto50
  • Facebook
  • Twitter
  • Instagram
  • Vimeo
  • Youtube
  • Spreaker
  • Editoriale
  • Commenti
  • Politica
  • Italia
  • Lavoro
  • Scuola
  • Economia
  • Internazionale
  • Europa
  • L’inchiesta
  • Alias
  • Alias Domenica
  • ExtraTerrestre
  • Il collettivo del manifesto
  • La storia del manifesto
  • Statuto del manifesto
  • Regolamento del manifesto
  • Bilanci e conti
  • Fondatori sito
  • #iorompo
  • Pubblicità sul manifesto
  • Sconto postale speciale Sicilia e Sardegna
  • About us

© 2021 il nuovo manifesto società coop. editrice

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

  • Google Analytics Opt-out
  • Chartbeat Opt-Out

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.

Piccolo è Grande e Grande è ingombrante!

Search

Facebook

Teewts

Recent Posts

  • Traduzioni Libri: ecco i nostri ultimi Best Seller.
  • La vostra privacy è davvero protetta su Facebook?
  • Sposarsi a Verona
  • Un Profilo Aziendale Efficace
  • La “vergogna” non esiste nel “Business”

Archives

  • dicembre 2016
  • aprile 2016
  • marzo 2016
  • luglio 2014

Categories

  • Costume e società
  • Cultura
  • Accedi
  • RSS degli Articoli
  • RSS dei commenti
  • WordPress.org

Piccolo è Grande e Grande è ingombrante!

Non è necessario essere grandi per essere eccellenti. Basta essere il migliore in quello si fa !

Avete mai sentito il detto “Le belle cose vengono in piccoli pacchetti?” Anche se si potrebbe immediatamente pensare a una piccola scatola di velluto con righe dorate contenente un anello di diamanti o di una piccola botte di legno riempita con un vino di un’eccezionale annata, vorrei dimostrare come questo detto vale anche per la più piccola delle imprese.

Avete mai lavorato per una grande azienda? Se sì, sono quindi certa che sarete d’accordo con tutto ciò che sto per esporre e, se no sono sicura che penserete due volte prima di scegliere di farlo. In realtà, mio marito, che lavora per una grande azienda, ha ispirato l’articolo di questa settimana. Mi stava raccontando che essendo in malattia da 2 mesi gli sembrava strano che il suo “capo” non si fosse mai preso la briga di chiamarlo per sapere se stesse meglio. Gli ho semplicemente risposto “questo è dovuto al fatto che sei solo un numero per loro”.

Ecco perché essere piccoli è semplicemente migliore!

#1: nessuno è un numero
Le piccole imprese hanno colleghi, collaboratori e esseri umani al loro fianco, mentre quelle grandi hanno numeri. Le piccole imprese sono più portate a creare rapporti con coloro che stanno contribuendo allo scopo finale per arrivare alla soddisfazione del cliente. Costruiscono rapporti con la loro squadra, premiano gli sforzi e li considerano come la loro risorsa più preziosa.

#2: re vs. ricavi
Le grandi imprese spesso vedono i loro clienti come fonti di entrate mentre quelle piccole li vedono come dei “re”. I clienti sanno di poter sempre parlare con la stessa persona ogni volta che necessitano il servizio di una piccola impresa. Inoltre, il cliente troverà sempre una voce o un messaggio amichevole appena si metterà in contatto con la sua “fidata” persona di riferimento perché il cliente “detta le regole”. Poiché le grandi aziende trattano i loro clienti come fonti di ricavi piuttosto che come persone molto importanti, i clienti vengono spesso rimbalzati avanti e indietro tra i nuovi soggetti che non possono mai essere così amichevoli poiché si sentono come dei numeri dentro le mura di una grande società che non li premia mai per i loro sforzi.

#3: comunicazione efficace
In un’impresa di 1, 2 o 3 persone, c’è un massimo di 3 persone che possono interagire tra di loro. Perciò il messaggio originale sarà trasmesso nel modo più accurato e tempestivo. Inoltre, la gente riesce a creare delle relazioni e a lavorare insieme per raggiungere lo scopo finale. Comunque, in un ambiente aziendale con 100 “numeri” (33 volte di più di quelli di una piccola azienda), il messaggio originale potrebbe facilmente essere modificato ora che ci sono 4.950 diverse possibilità di interazione. I colleghi sono quindi meno suscettibili a creare legami tra di loro e più suscettibili a provare di competere tra di loro per ottenere il riconoscimento che ogni essere umano si sforza disperatamente di raggiungere.

#4: attenzione ai dettagli
Le piccole imprese si focalizzano sulla qualità e il servizio, che vengono spesso trascurati dalle aziende più grandi. I membri delle squadre di una piccola impresa presteranno la massima attenzione ad ogni singolo dettaglio in ogni fase della transazione: dal primo contatto alla consegna. Devono catturare l’attenzione, la fiducia e la fedeltà dei propri clienti per rimanere a galla. Le grandi aziende preferiscono competere con prezzi più bassi piuttosto che con la qualità e il servizio. Questo potrebbe “inizialmente” sembrare più conveniente nel breve termine, ma molto meno nel lungo termine poiché la qualità, per definizione, è più durevole nel tempo.

#5: motivazione
Le piccole imprese lavorano con piccole squadre composte da individui motivati. Questa motivazione nasce dai legami che si creano sia con colleghi e clienti. Per una piccola impresa i “problemi” non sono più considerati per quelli che sono, ma permettono agli individui di diventare più creativi (come squadra) per trovare nuove idee e soluzioni tempestive. Nelle grandi aziende, i dipendenti temono la parola “problemi” perché sanno che potrebbe costar loro il lavoro. In ogni caso, questi individui lavoreranno per tante ore cercando di risolvere questi “problemi” da soli poiché non sono motivati a collaborare tra di loro, ma anche a causa di una mancanza di buoni legami e di fiducia con i loro colleghi e clienti.

In conclusione, le cose belle escono davvero dai piccoli pacchetti. Le relazioni umane, la fiducia, la motivazione e il riconoscimento possono soltanto condurre verso grandi storie di successo perché nessuno è un numero, ognuno è re, la comunicazione esiste, c’è sempre una constante attenzione ai dettagli e la motivazione personale diventa un elemento fondamentale. Ecco perché credo che una piccola impresa può essere Grande rispetto ad una grande azienda con un grande nome ma senza nessun tocco umano. Sono riuscita a fare luce sul concetto che “più grande non è necessariamente meglio” e a farvi credere che più piccolo è spesso migliore?

голоса
Рейтинг статьи
Читать еще:  Готовим кожу к теплу: идеи масок и скрабов для кожи своими руками
Ссылка на основную публикацию
Adblock
detector